Il Mutuo

Un Mutuo implica un finanziamento , un prestito, di piccola e grande entità. Mutuo, come indica la parola, è un contratto che implica un’azione reciproca. E’ disciplinato dagli articoli 1813 del Codice Civile.
Viene  sottoscritto un contratto, accensione del mutuo, le cui parti firmatarie sono il mutuante, la Banca, ed il mutuatario, il cliente che fa richiesta del prestito di denaro.
Dopo aver ricevuto la somma in denaro, il mutuatario dovrà cominciare a restituire il prestito, sotto forma di rate, piano di ammortamento, che comprenderanno sia la somma capitale che gli interessi, i quali saranno in funzione della somma richiesta e della durata del Mutuo stesso. E’ per questo che è detto contratto a titolo oneroso.
Le Banche o gli Enti di Credito redigono un contratto nel quale sono presenti diverse clausole indicanti le caratteristiche del Mutuo: il tasso di interesse, il piano di ammortamento, le garanzie e la durata del contratto.
Il Mutuo può essere stipulato per l’acquisto di una casa, in questo caso si dice Mutuo ipotecario, perché la garanzia è rappresentata dall’immobile stesso, che verrà valutato attraverso una perizia tecnica, che ne definisca il valore commerciale. Sull’immobile verrà iscritta un’ipoteca.
Solitamente la durata dei Mutui varia da 10 a 20\30 anni ed il valore dello stesso arriva a coprire circa l’80% del valore dell’immobile stesso. Vi sono poi i Mutui che coprono il 100 % del valore dell’immobile, ma sono molto cari.

Le spese per la stipula di un mutuo

Per essere in grado di valutare la convenienza economica di un mutuo, occorre conoscere  l’indicatore sintetico di costo, indicato con una sigla ISC.
Questo Indice è stato definito nel 2003 con una delibera del CICR, cioè il  Comitato Interministeriale per il Credito ed il Risparmio.
Questo valore è indicato per legge, sui documenti ufficiali che ogni Banca, che aderisce al Codice di Condotta Europeo per i mutui casa, deve possedere. Inoltre, alla stregua del TAEG, deve essere indicato in forma percentuale.
Esso ci indica qual è il reale costo del finanziamento che stiamo richiedendo.
Dire ISC è come dire TAEG, cioè ci indica il tasso applicato, e le spese accessorie iniziali, le spese di apertura della pratica di credito, le spesa di istruttoria della pratica , le spese di perizie , le spese di incasso rata, le spese di assicurazione, spese di  gestione della pratica.
Gli indicatori andranno indicati in virtù della durata del finanziamento e della rateizzazione per il rimborso del finanziamento.
L’ISC deve essere indicato sui documenti ufficiali per i mutui, le anticipazioni bancarie, ed altri finanziamenti.

Procedure e tempi per ottenere un mutuo

La procedura per ottenere un mutuo può essere sintetizzata in fasi , che hanno la durata complessiva di due mesi, per ottenere un prestito di tipo ipotecario.
Occorre innanzitutto presentare i documenti richiesti dalla Banca, che dovrà valutare la situazione economica del cliente.
Nella seconda fase, detta di Istruttoria della pratica, la Banca utilizzerà i documenti presentati per valutarne tutti gli aspetti.
E cioè, attraverso una perizia tecnica, verrà valutato il valore dell’immobile; la spesa della perizia tecnica è a carico del mutuatario.
Ne verrà valutato il valore di mercato, in virtù della garanzia che deve essere offerta, è compresa un’indagine catastale per verificarne la regolarità edilizia e l’assenza di altri gravami.
In base al valore dell’immobile, sarà valutata la concessione di un finanziamento, che arrivi fino all’80 % del valore dell’immobile posto a garanzia.
Viene inoltre valutata la capacità del cliente della Banca di rimborsare mensilmente il finanziamento.
Segue quella che possiamo chiamare Delibera del finanziamento, cioè dopo aver preso in visione ed analizzato sia la solvibilità del cliente, sia il valore dell’immobile, l’Ente di Credito delibera il finanziamento.
Ultima fase è quella dell’erogazione del mutuo, che può essere contestuale o differita, quando la banca non consegna subito il danaro del mutuo, ma dopo circa 15 giorni.
Il contratto unico viene stipulato in presenza di un notaio, come atto pubblico, insieme all’atto di mutuo viene costituita l’ipoteca a favore della banca sulla unità immobiliare oggetto del finanziamento( mutuo ipotecario)
Di regola 60 giorni sono più che sufficienti per ottenere un mutuo ipotecario.